+39 055 8728192

Via di Stagno, 12 – 50055 – Lastra a Signa – FI

http://www.gigliodifirenze.eu/

alessandro_cicali@virgilio.it

Giglio di Sparla & Gerardi è l’azienda dalla quale nascono, grazie ad una cura ed una imprenditorialità non comuni, alcuni prodotti il cui minimo comun denominatore è l’originalità. Lo stabilimento di Lastra a Signa, che fa anche da magazzino per l’importazione e la distribuzione dei vini di una maison di champagne e spumanti francesi, è il regno di Alessandro Cicali, dove nascono vini  che – come dice Alessandro – “rinviano a sensazioni e aromi di anni fa, ma sono pronti per l’uso e il consumo dei nostri giorni, perché freschi, attuali, poliedrici”. L’origine di uno di questi, il Ronchi Pichi, risale ai primi del Novecento, quando a Livorno Armando Pichi creò, con una ricetta a base di ventisei infusioni di erbe e frutti differenti, un originale vino dolce da fine pasto. Alessandro Cicali, acquisita la ricetta e tutti i suoi brevetti, ne ha iniziato  la produzione pensando a un consumo più moderno dei questo vino, che ben si presta ad essere valorizzato nei cocktails, in linea con l’attuale tendenza del mixology a usare prodotti con radici storiche. Nasce così l’idea del Premio Ronchi Pichi: per la prima edizione nel 2018 gli studenti dell’Istituto Alberghiero Vasari di Figline Valdarno, paese che tra l’altro ha dato i natali al nonno di Alessandro, hanno preparato ricette esclusive di cocktails con il Ronchi Pichi, giudicate da una giuria specializzata che ne ha premiati tre.

Ronchi Pichi

Gradazione alcolica % vol. 16

Zuccheri riduttori residui  %  18

Di colore ambrato, con buona luminosità e consistenza, al naso si presenta molto intenso e di grande piacevolezza. Tra le sensazioni più ricorrenti si percepiscono ricordi di spezie dolci, erbe aromatiche e miele. In bocca la dolcezza è bilanciata da una nota di acidità che rende non stucchevole il vino.

L’ingresso in bocca è particolarmente largo e di grande soddisfazione. Il finale è misuratamente  caldo, dotato di buona persistenza gustativa. Servire fresco (10° C). A fine pasto accompagna bene dolci a base di pasta frolla e frutta secca.

Vermouth bianco

Vino aromatizzato con artemisia, spezie, erbe e fiori a cui si aggiungono alcool e zucchero per dare più consistenza, rotondità e forza a e per aiutarne la conservazione.

Servito freddo, liscio o con ghiaccio; oppure con due cubetti di ghiaccio, una fetta di arancio e la buccia di limone.

Dall’amore per la terra alla passione per la raffinata arte del conservare, Terramia giunge ogni giorno sulle tavole di tutti per soddisfare i sensi di ognuno.